Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero

Editoriali

L'Editoriale - Nel Fumettomondo mai parlare male degli amichetti

17-06-2020 Hits:487 Editoriali Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Potremmo stare tutto il giorno a fare battute sui critici e sugli amici, ma non voglio farvi perdere tempo, per cui arrivo subito al punto. Qualche settimana fa il corpaccione del fumettomondo ha sussultato per le affermazioni di Alessandro Di Nocera, di professione professore di liceo e a tempo perso giornalista della Repubblica sede di Napoli con spazio sulla pagina della cultura dell’edizione di quel giornale per argomenti dedicati ai fumetti e a tempo sempre perso critico di fumetti, presenza cospicua sui social, amico di Roberto Recchioni e parte del salotto buono del fumetto italiano, secondo cui un critico se viene invitato a una prima del film di un amico o riceve un volume a fumetti di un amico se il film e brutto o il fumetto è brutto non ne deve parlare e deve lasciare il compito a qualcun altro. Se invece il...

Ultime Notizie

Roberto Riccio e Comics X Africa: dopo il massacro mediatico arriva l'archiviazione del tribunale

17-07-2019 Hits:1642 Dal Mondo Super User

E come al solito, Fumetto d'Autore vi da le notizie che gli altri tacciono. Eppure ci ricordiamo bene le edizioni di Comics X Africa a Telese Terme dove tantissimi fumettomondisti erano grandissimi amici di Roberto Riccio... dagli Avvocati Angelo Riccio ed Antonio Leone riceviamo e pubblichiamo DOPO 24 PUNTATE, MILIONI DI...

La Panini censura Mussolini (e Paperon de Paperoni)?

12-06-2019 Hits:2336 Fumetti Super User

Pare che il sonno dei fan italiani più duri e puri dei comics americani sia stato turbato da una omissione dell'editore Panini. Infatti sembra che ai fan più attenti non sia sfuggito il fatto che il volume "Le grandi storie di guerra", che a detta dell'editore modenese, dovrebbe contenere l'integrale...

A+ A A-

«Sviluppare una coscienza collettiva, fare gruppo e lavorare per il bene comune»

statigenerali[23/08/2010] » Stati Generali: parla Gianfranco Goria, sino a poco tempo fa impegnato nel SILF (CGIL), l'unico sindacato di categoria degli autori di fumetti: "c'è in giro gente del comicdom italico che, malevolmente dice che il sindacato è una schifezza inutile".

Luca Boschi, in qualità di moderatore, fa il punto della situazione sul suo blog sulla Tavola Rotonda degli Autori convocata da Claudio Stassi e che si svolgerà presso il Museo del Fumetto durante lo svolgimento della prossima Lucca Comics&Games.

Tra i commenti del post interviene Gianfranco Goria, titolare di AFNews, e sino a poco tempo fa impegnato in pirma linea con il SILF, il Sindacato Italiano Lavoratori Fumetto Animazione Illustrazione Comunicazione Visiva, che appartiene all'area CGIL.

Goria parla del suo periodo nel SILF e delle difficoltà incontrare dal sindacato tra gli autori in questi anni.

Ve ne riportiamo ampi stralci:

La "sindacalizzazione" non deve e non può portare a niente di quello che si intende, parlandone a vanvera. Ovvio. Sindacalizzare vuol dire costruire, partendo dai lavoratori di un settore, una Coscienza Collettiva. Non necessariamente un Contratto Collettivo. Se non si crea quella coscienza, non è il "sindacato" a fallire: sono i lavoratori. Un errore comune, tra chi non sa un granché di "sindacato", è pensare che esista un Sindacato indipendentemente dai lavoratori. Errore. Il sindacato E' i lavoratori. Punto. Il problema vero della sindacalizzazione di un settore composto per buna parte da "creativi" che si ritengono "artisti" e quindi "al di fuori dle mondo normale" è proprio questo. Senza la Coscienza Collettiva non può esserci un Sindacato di Categoria.
Che nel settore dell'editoria fumettistica non serva un Contratto Collettivo è, ovviamente, possibile. Non è certo l'unica forma di contratto che esiste! Tanto e solo per cominciare c'è il Contratto di Edizione (previsto per legge) che già svolge la sua funzione, quando viene utilizzato. Certo che se, invece, gli autori NON firmano contratti, non VERIFICANO i contratti, lavorano senza contratti, firmano contratto a opera finita ecc. ecc. ecc. allora... Ci può essere la legge più bella del mondo, ma non serve a nulla contro comportamenti autolesionisti di questo tipo, no?
Vero: la CGIL ha provato, a partire dal 2000 a OFFRIRE ai lavoratori di questo settore uno STRUMENTO per organizzarsi, tutelarsi ecc. Sono i lavoratori che lo hanno regolarmente snobbato, forse perché convinti di potersi fare sempre le proprie ragioni da soli, senza organizzarsi insieme ai propri colleghi. L'individualismo è nemico giurato della lotta collettiva per i diritti di tutti. Questo è quel che ho visto coi miei occhi (e non per sentito dire) nei dieci anni in cui me ne sono occupato, da volontario. Ora che il mio mandato è finito, posso parlarne con più leggerezza, ma era davvero duro cercare di fare del sindacato senza che i lavoratori fossero VERAMENTE interessati a organizzarsi collettivamente. "Ognun per sé e Dio per tutti" sembrava fosse il loro motto. La CGIL ci ha messo soldi e persone, ma chi "non c'era" nei fatti erano proprio i lavoratori del settore. Abbiamo "presidiato" la struttura sindacale a lungo, ma la sensibilità era sempre la stessa: "mi iscrivo al sindacato oggi perché mi serve 'sta cosa - domani mica rinnovo la tessera e di sicuro non mi impegno per fare la mia parte nel sindacato! Ma che sono scemo a lavorare per gli altri?" Tant'è. Il mio periodo di volontariato è finito (come da statuto) e dopo di me sarà venuto qualche altro volontario a "lavorare per gli altri", per quegli altri che di norma si limitano a farsi gli affari propri e tanti saluti. In sostanza: ciascuno è casua del suo male e del suo bene. Se, finalmente, chi lavora nel settore dell'editoria fumettistica decide di "fare gruppo" e dedicare un poco del suo tempo per il "bene comune", allora il sindacato a cui la CGIL (o chiunque altro) offre risorse e persone potrà essere uno strumento efficace (per la parte sindacale, ovviamente, del lavoro fumettistico). Ma queste cose funzionano solo se si "fa gruppo" per davvero. I miracoli non piovono dal cielo: li fanno gli esseri umani col proprio sudore e (talora) col proprio sangue.
Questa riunione lucchese potrebbe offrire una chance allo sviluppo di una Coscienza Collettiva? Non dipende "dal sindacato", non dipende "dal Cielo". Dipende solo dalla coscienza di ciascuno, dalla volontà e dalla determinazione di chi fa fumetti nel dedicare risorse a un progetto Collettivo. Se, invece, si resta dell'idea che l'unico progetto che conta è quello individuale, è inutile fare riunioni.
Cosa dà fastidio, ad alcuni di noi, nel comportamento di certi politici? Che invece di lavorare per il bene comune, lavorano solo per il proprio. Be', il discorso non vale solo per i politici: vale proprio per tutti.
Non so se mi sono spiegato (logorroico e confusionario, sono, oltre che ormai vecchio), ma se a Lucca si sprigionasse una scintilla di Coscienza Collettiva e determinata volontà di lavorare insieme per il Bene Comune, posso confermare fin d'ora (anche se non mi compete più da anni) che la CGIL quel sindacatino dei fumettisti lo mette immediatamente a disposizione di chi ci voglia davvero lavorare per il bene comune, per un serio progetto collettivo. (...)

Dopo un intervento di un utente che si dice: "assolutamente d'accordo sulla mancanza di coscienza collettiva da parte dei fumettisti, solo che, a mio avviso, quella coscienza dovrebbe essere del tipo "confederazione di imprenditori di sè stessi" e non di "dipendenti contro gli editori", Goria fa ulteriori precisazioni e approfondimenti sul ruolo del sindacato e di come sia stato anche avversato da alcuni autori:

(...) Se riusciamo a sfrondare la questione dagli equivoci sulla terminologia (pare che la parola "Sindacato" spaventi i fumettisti come se si dicesse "nazifascismo", è questa è una solenne idiozia, per giunta masochistica -o forse è che a noi artistoidi piace darci il tono di Imprenditori, perché oggidì fa tanto figo-riccone, non so, ma è un'altra sonora idiozia), allora si può affrontare seriamente la questione. Ovviamente non posso escludere a priori che qualcuno stigmatizzi il termine Sindacato (che pure negli USA i nostri colleghi fumettisti non schifano affatto, anzi! E mi riferisco alle Union, naturalmente.), per beceri motivi politici, ma anche questa sarebbe una colossale idiozia. Come ho detto, sindacato è libera associazione democratica è confederazione è federazione, quindi dare al termine una valenza negativa (non è il tuo caso, ma di diversi altri sì) a priori è sintomo: di profonda ignoranza (ma l'ignoranza si cura studiando), di mala fede (e per questa non c'é cura), di leggerezza (e per questa basta ricollegare il cervello). Non so se questa chiacchiera basta a farlo capire. Ma certo io non mi sogno di dire che il Sindacato delle Industrie (la Confidustria) è una schifezza inutile perché è un sindacato. So, invece, che è una struttura utile alle aziende di un certo tipo, costituita secondo quanto previsto dalla legge, e svolge la propria funzione secondo quanto democraticamente deciso da chi ne fa parte (gli iscritti, cioè le aziende). Questo vale per tutti i sindacati (e dovrebbe valere per tutte le associazioni in generale, almeno in linea teorica). Invece c'è in giro gente del comicdom italico che, malevolmente (per chissà quali motivi) dice che il sindacato (dei fumettisti, ma anche degli illustratori, o degli scrittori ecc. a piacere) è una schifezza inutile. Dando così della schifezza inutile anche ai relativi iscritti, tra l'altro.
Nel mondo del fumetto italiano ci si lamenta spesso della profonda ignoranza manifestata dai giornalisti (alcuni, mica tutti, in realtà) che parlano di fumetto alla carlona e sparano una quantià di fesserie sui media, mentre dovrebbero prima documentarsi per bene e chiedere a chi opera nel settore fumetto, prima di scrivere stupidaggini.
Be' la stessa cosa la fanno i fumettisti (alcuni, mica tutti, in realtà), che parlano di sindacato alla carlona e saprano una quantità di fesserie, mentre dovrebbero prima documentarsi per bene e chiedera a chi opera nel settore sindacato, prima di ...
Ma si sa: viene facilissimo parlare tanto per parlare, anche se questo può procurare danni alle persone.
Insomma, ce ne sarebbe un sacco di cose da dire, alla riunione lucchese. Spero saranno utili al miglioramento complessivo delle persone e della loro vita. In ogni caso, al di là delle speranze e comunque incrociando le dita, il tempo sarà buon giudice dell'utilità dell'incontro.

Magazine

INTERVISTA ESCLUSIVA CON MORENO BURATTINI su "Zagor - Darkwood Novels"

26-07-2020 Hits:834 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

   Ritratto ad opera di Lorenzo Barruscotto, autografato dallo stesso Burattini.     Buongiorno e grazie per il suo tempo. Facciamo quattro chiacchiere sulla nuova miniserie di Zagor “Darkwood Novels”.   - Nel primo volume viene presentata ai lettori questa nuova iniziativa editoriale targata Spirito con la Scure anche con dotte citazioni e riferimenti ai Dime Novels...

Leggi tutto

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:676 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2544 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2660 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:2235 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2671 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:1888 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto