Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero

Editoriali

Rrobe di gatti (assassinati): Gianfranco Goria suona il citofono, Fumetto d'Autore suona Goria

10-12-2021 Hits:1171 Editoriali Super User

Riceviamo da Gianfranco Goria, dominus di AFnews.info, pubblichiamo e rispondiamo. Spettabile redazione, ho inviato varie mail alla S.B.E. ma nessuno mi ha mai risposto, mi incollo una copia delle mail che ho inviato e vi allego le prove di ciò che contesto,Può una persona soffocare il proprio gatto e poi vantarsene sul web senza incappare in una denuncia o in una sanzione da parte di una delle più storiche case editrici italiane? Molta gente è stata allontanata per molto meno in passato, spero in una vostra risposta ed in una presa di posizione su questa questione.Grazie anticipatamenteGianfranco Goria Salve,la stima che ho verso la vostra casa editrice e del compianto Sergio Bonelli è veramente molto alta, ma purtroppo sembra che nessuno si accorga del comportamento di determinati vostri dipendenti, e non stiamo parlando di semplici figure all'interno del vostro organico ma del curatore di una delle vostre...

Ultime Notizie

Roberto Riccio e Comics X Africa: dopo il massacro mediatico arriva l'archiviazione del tribunale

17-07-2019 Hits:3698 Dal Mondo Super User

E come al solito, Fumetto d'Autore vi da le notizie che gli altri tacciono. Eppure ci ricordiamo bene le edizioni di Comics X Africa a Telese Terme dove tantissimi fumettomondisti erano grandissimi amici di Roberto Riccio... dagli Avvocati Angelo Riccio ed Antonio Leone riceviamo e pubblichiamo DOPO 24 PUNTATE, MILIONI DI...

La Panini censura Mussolini (e Paperon de Paperoni)?

12-06-2019 Hits:4451 Fumetti Super User

Pare che il sonno dei fan italiani più duri e puri dei comics americani sia stato turbato da una omissione dell'editore Panini. Infatti sembra che ai fan più attenti non sia sfuggito il fatto che il volume "Le grandi storie di guerra", che a detta dell'editore modenese, dovrebbe contenere l'integrale...

A+ A A-

Quando anche Stassi accusava BeccoGiallo

beccogiallo[25/10/2010] » Stati Generali del Fumetto: pubblichiamo una lettera del giugno 2009 indirizzata a BeccoGiallo, scritta dello sceneggiatore Giovanni Di Gregorio e pubblicata sul suo blog dal promotore della tavola rotonda lucchese degli autori. Intanto Stassi non risponde alla nostra richiesta di rilasciarci una intervista.

Un cerchio sembra chiudersi a pochi giorni dallo svolgimento della tavola rotonda degli autori a Lucca. Quando ancora Fumetto d'Autore non esisteva, fu proprio Claudio Stassi uno tra i primi in rete a rendere pubblici alcuni aspetti poco chiari del rapporto contrattuale tra gli autori e BeccoGiallo.

Dopo avere pubblicato la testimonianza raccolta direttamente da GIanluca Maconi, dopo avervi riportato alcuni commenti di autori rilasciati in rete, ci siamo accorti, guardando con più attenzione, che anche Claudio Stassi, l'autore che si è fatto promotore della tavola rotonda degli autori (i cosiddetti Stati Generali che si svolgeranno a Lucca, al Museo del Fumetto, domenica 31 ottobre alle 17.00), già a giugno del 2009, si era occupato di alcunii problemi contrattuali con BeccoGiallo, legati al suo libro Brancaccio e lo aveva fatto pubblicamente e direttamente dal suo blog, lo stesso da cui ora parla di locuste e risveglio sociale.

Stassi aveva scritto, il 20 giugno 2009, un post in cui rendeva pubblica una lettera dello sceneggiatore del libro Brancaccio, Giovanni Di Gregorio indirizzata ai tipi di BeccoGiallo. Vi riproponiamo in versione integrale quel post di Stassi, che si trova pubblicato sul web QUI.

Giovanni Di Gregorio, sceneggiatore Bonelli (Dylan Dog e Dampyr), Red Whale (Monster allergy, Lys...), etc, etc... nonchè mio compagno di viaggio nel fumetto Brancaccio storie di mafia quotidiana, mi manda questa mail con la richiesta di pubblicarla.
Sarò sincero, ci ho messo un po'. Ci ho pensato bene, poi ho capito che era corretto pubblicarla... eccola qui.


LETTERA DI GIOVANNI DI GREGORIO
Ecco, è passato più di un mese da quando ho spedito la mail qua sotto.
I BecchiGialli non si sono degnati di rispondere nemmeno in questa occasione, anche se -come sai- la mail è stato mandata in copia a diversi autori.
Non un commento, un gesto di scusa, una giustificazione.
Ignorata ancora una volta, manco fosse uno SPAM del Viagra.
Invece si tratta di una cosa importante, che per me merita la massima risonanza. Visto che ritengo giusto parlarne ma non ho un blog (né lo voglio aprire per l'occasione), posso chiederti di pubblicare tutto sul tuo?
Grazie!

Giovanni
-------------
Salve a tutti.

(Faccio un riepilogo per voi in ascolto.)
A Lucca 2008 incontro i BecchiGialli e dico: ragazzi, ma se io prendo contatti con un produttore TV o cinematografico per una trasposizione su schermo di Brancaccio, mi date più del 25% sui diritti derivati che mi spetta da contratto, visto che a fare la promozione (un lavoraccio!) sarei io e non voi?
Becchi: Ma certo.
Io: Allora mi fate avere una postilla a riguardo, così la firmiamo?
Becchi: Ma certo.
Passano due mesi, mando delle mail. Nessuna risposta.
Gennaio 2009. Ad Angouleme ci si rivede.
Io: Ragazzi, ma la postilla? Non me l’avete più fatta avere.
Becchi: Sai, questioni di tempo…
Io: Ma io vorrei iniziare a prendere i contatti con i produttori. È un momento buono, è uscito il film su Gomorra, ecc.
Becchi: Ma certo. Fai, fai, prendi i contatti, tranquillo.
Io: E la postilla?
Becchi: E che bisogno c’è? Noi siamo d’accordo. L’accordo verbale basta, no?
Io: Ah! Ah! Ah!
Becchi: …
Io: Sentite, per non perdere altro tempo: chiamo un avvocato, gli faccio fare la postilla e ve la mando, va bene?
Becchi: Ma certo. Fai, fai.
Contatto il mio avvocato. Passa un altro po’ di tempo.
Finalmente mando loro la postilla. Mezza pagina. È semplice: devono leggerla, vedere se va bene, stamparla e firmarla.
Passa una settimana.
Mando una mail. Nessuna risposta.
Passa un’altra settimana.
Mando un’altra mail. Nessuna risposta.
Passa un mese.
Intanto ci scambiamo delle mail per altre ragioni, un pagamento per i diritti spagnoli di Brancaccio. I Becchi rispondono velocissimi, però nelle risposte saltano sistematicamente i P.S. con cui ricordo loro della postilla.
Finalmente, dopo qualche mail il cui unico contenuto era, seccamente: “E la postilla?”, rispondono.
Becchi: Ma certo. Però non ne possiamo parlare dopo il Comicon?
Io: Ma dovete solo leggerla, vedere se va bene, stamparla e firmarla. In tutto ci vorranno 3 minuti.
Nessuna risposta.
Non un “no”, badate bene. Non un “guarda, la leggiamo e ci pensiamo”, un “l’abbiamo letta e la tua percentuale ci sembra da rivedere”, o “ci abbiamo ripensato, non se ne fa più niente”. Tutte risposte assolutamente legittime. No, il silenzio.
Passa il Comicon.
Mando altre mail. Nessuna risposta.
Passano altre due settimane.
Nessuna risposta.
Mi ignorano.
Siamo a maggio, da Lucca sono passati più di sei mesi.
Allora decido di mandare questa mail a tutti voi.
(Fine riepilogo)

Allora, cari Becchi.
Il mio tempo è prezioso, proprio come il vostro. Potevate rispondermi con un no, se volevate, non avrei fatto una piega. La postilla non mi è dovuta: la risposta sì, fosse anche solo per educazione (ovviamente sto facendo finta che si tratta di maleducazione, mentre sospetto che voi la postilla, banalmente, non vogliate firmarla. Non era più semplice, giusto, comodo, rispettoso, professionale, dirlo subito?). Lasciando da parte ogni considerazione personale sulla vostra lungimiranza editoriale e sulla vostra buona fede (che questa ultima vicenda mi confermano* davvero esili), non posso più stare a perdere tempo con voi. Voi lavorereste con un autore che non risponde alle vostre mail per settimane? Per mesi?
Parlo pubblicamente di questa esperienza personale (e continuerò a ripeterla in giro, a tutti, ogni volta che ne avrò l’occasione) perché è giusto che chi lavora, o ha lavorato, o lavorerà con voi, sappia con chi ha a che fare.
Chiudo qui, ho già perso fin troppo tempo.
Ciao a tutti,

Giovanni

*Una cosa simile era già successa tempo fa, quando io e Claudio abbiamo chiesto di riformulare il contratto per Brancaccio. Abbiamo aspettato mesi, per averlo. Mesi di scuse inverosimili e temporeggiamenti spossanti.

Come indicato chiaramente da Giovanni Di Gregorio nel testo riportato, la mail fu mandata anche ad altri autori. A chi? Perchè nonostante ci fossero altri autori a conoscenza di questa situazione, durante tutto il dibattito sugli Stati Generali che si dipana in rete da più di tre mesi, nessuno tra coloro a cui era arrivata questa mail e/o era a conoscenza dei fatti, ha mai fatto accenno a questa cosa sinora?

Perchè lo stesso Claudio Stassi non ha più ripreso questa situazione contrattuale legata ai diritti televisivi del proprio libro durante questi mesi di discorsi in rete?

Quanto pubblicato adesso dimostra ulteriormente, casomai ce ne fosse bisogno, che Fumetto d'Autore, non ha fatto campagne stampa personalizzate contro nessuno ma ha documentato e approfondito quello che girava attrorno agli Stati Generali, riportando notizie e documenti che già erano di dominio pubblico, prima ancora che il nostro stesso sito nascesse.

Infine, in data 16 ottobre scorso Fumetto d'Autore ha inviato a Claudio Stassi una richiesta ufficiale per rilasciarsi un intervista prima della tavola rotonda e sino a oggi, l'autore siciliano non ci ha mai risposto.

Magazine

Intervista a SILVIA ZICHE su "QUEI DUE"

01-01-2021 Hits:1900 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto e Dafne Riccietti

      Bentrovati, appassionati delle nuvole parlanti. Sono lieto ed orgoglioso di presentarvi la versione integrale dell'intervista, comparsa sull'importante numero 300 di “Fumo di China”, realizzata con la mitica Silvia Ziche, che ringrazio nuovamente.   Ritratto di Silvia Ziche, visionato anche dall'artista prima della pubblicazione, ad opera di Lorenzo Barruscotto.   Le tre vignette che troverete ad...

Leggi tutto

INTERVISTA ESCLUSIVA CON MORENO BURATTINI su "Zagor - Darkwood Novels"

26-07-2020 Hits:3592 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

   Ritratto ad opera di Lorenzo Barruscotto, autografato dallo stesso Burattini.     Buongiorno e grazie per il suo tempo. Facciamo quattro chiacchiere sulla nuova miniserie di Zagor “Darkwood Novels”.   - Nel primo volume viene presentata ai lettori questa nuova iniziativa editoriale targata Spirito con la Scure anche con dotte citazioni e riferimenti ai Dime Novels...

Leggi tutto

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:2545 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:4840 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:4940 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:4394 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:4879 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto