Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero

Editoriali

L'Editoriale - Nel Fumettomondo mai parlare male degli amichetti

17-06-2020 Hits:863 Editoriali Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Potremmo stare tutto il giorno a fare battute sui critici e sugli amici, ma non voglio farvi perdere tempo, per cui arrivo subito al punto. Qualche settimana fa il corpaccione del fumettomondo ha sussultato per le affermazioni di Alessandro Di Nocera, di professione professore di liceo e a tempo perso giornalista della Repubblica sede di Napoli con spazio sulla pagina della cultura dell’edizione di quel giornale per argomenti dedicati ai fumetti e a tempo sempre perso critico di fumetti, presenza cospicua sui social, amico di Roberto Recchioni e parte del salotto buono del fumetto italiano, secondo cui un critico se viene invitato a una prima del film di un amico o riceve un volume a fumetti di un amico se il film e brutto o il fumetto è brutto non ne deve parlare e deve lasciare il compito a qualcun altro. Se invece il...

Ultime Notizie

Roberto Riccio e Comics X Africa: dopo il massacro mediatico arriva l'archiviazione del tribunale

17-07-2019 Hits:1808 Dal Mondo Super User

E come al solito, Fumetto d'Autore vi da le notizie che gli altri tacciono. Eppure ci ricordiamo bene le edizioni di Comics X Africa a Telese Terme dove tantissimi fumettomondisti erano grandissimi amici di Roberto Riccio... dagli Avvocati Angelo Riccio ed Antonio Leone riceviamo e pubblichiamo DOPO 24 PUNTATE, MILIONI DI...

La Panini censura Mussolini (e Paperon de Paperoni)?

12-06-2019 Hits:2536 Fumetti Super User

Pare che il sonno dei fan italiani più duri e puri dei comics americani sia stato turbato da una omissione dell'editore Panini. Infatti sembra che ai fan più attenti non sia sfuggito il fatto che il volume "Le grandi storie di guerra", che a detta dell'editore modenese, dovrebbe contenere l'integrale...

A+ A A-

«Si sente il bisogno di creare un'associazione o un ente capace di coinvolgere tutti gli autori»

statigenerali[28/10/2010] » Claudio Stassi parla della tavola rotonda degli autori, i cosiddetti "Stati Generali", in una intervista rilasciata a Gianluca Testa su Exibart.

Non l'abbiamo ricevuta, ce la siamo cercata, l'abbiamo trovata e la pubblichiamo integralmente. Vi proponiamo un intervista a Claudio Stassi, il promotore dei cosiddetti "Stati Generali del fumetto", rilasciata a Gianluca Testa e apparsa ieri su Exibart.com

Per la prima volta autori e editori si incontrano per un confronto aperto sul proprio futuro. All'ombra della crisi del mercato, al Museo del fumetto si parlerà soprattutto di diritti e di contratti. La proposta arriva da Claudio Stassi. E questa è la sua prima intervista...

pubblicato mercoledì 27 ottobre 2010

Una tavola rotonda fra autori di fumetto. Da dove nasce l'esigenza di un confronto?
Come ben saprai, il mercato dell'editoria a fumetti sta attraversando molte difficoltà. Ci sono problemi legati alle vendite e alla perdita di lettori. E su internet, prima che iniziasse l'estate, è nato un dibattito molto acceso sui compensi degli autori. Amando la rete, sono anche convinto che questo sia un mezzo straordinario per unirci, per esprimere la nostra opinione. Un mezzo che permette di essere vicini nella distanza. Ma sono altrettanto convinto che, analizzando problemi così forti e delicati su internet, non si arriverà a una soluzione condivisa. C'è quindi bisogno di dialogare, di discutere faccia a faccia per trovare possibili uscite. È con questo spirito che nasce l'incontro di Lucca.

Ovviamente, non essendoci un precedente, è difficile prevedere cosa accadrà. Cambierà qualcosa?
Una tavola rotonda come quella organizzato al Muf insieme a Luca Boschi non risolverà certo tutti i problemi. L'appuntamento ha però il merito di aver smosso le opinioni degli autori. Chiaramente non tutti sono d'accordo sui punti che saranno affrontati. Ma si percepisce la voglia che hanno di far cambiare qualcosa. Se non c'è accordo unanime sull'impostazione dell'incontro - di tutte le critiche ricevute farò tesoro per il futuro - c'è però la voglia di partecipare al cambiamento.

L'incontro è aperto a tutti gli operatori del settore. Ma ci sono anche interventi programmati...
Come quello di Ivo Milazzo, che da anni si sta sbattendo per migliorare la legge sul diritto d’autore. E poi anche Michele Ginevra del Centro fumetto Andrea Pazienza, che è stato capace di portare il fumetto ben oltre i luoghi convenzionali (nella scuola e non solo). E anche quello di Pic-nic. Se sono stati invitati è perché sono un esempio dell'altra faccia dell'editoria: quella delle autoproduzioni. Oltre a questi, ci saranno altri contributi. L'obiettivo, comunque, è di trovare una strada percorribile.

In che modo?
Se si creasse un'associazione o un ente capace di coinvolgere tutti gli autori, persone capaci di farla funzionare davvero, beh, credo che le attività di Milazzo e Ginevra potrebbero estendersi avendo alle spalle un sostegno culturale più forte.

Si parla di professione, professionalità e diritti. Ma alcune associazioni già esistono e c'è perfino un sindacato di settore...
In effetti c'è l'Associazione Illustratori, che già si muove abbastanza bene. Il sindacato, poi, è l'evoluzione di un primo tentativo di creare un'associazione di fumettisti. L'attività del Silf è importante, ma si muove solo sul fronte politico: si prendono in mano le cause fra autori ed editori e si sostengono le parti nelle dispute giuridiche. Complessivamente la vedo come un'entità sconnessa. Per camminare credo abbia bisogno di un'altra gamba, di un altro sostegno.

Quello di Lucca è il primo incontro. Ma non sarà anche l'ultimo, vero?
Esatto. Perché ci rivedremo a Napoli Comicon. Del resto, non posso essere io a creare questo organismo di cui si parla e di cui si sente il bisogno. Promuovendo l'incontro desidero solo offrire nuovi stimoli per il risveglio sociale dei grandi autori, che potrebbero dare un peso diverso a questo movimento, attribuendogli un maggior peso culturale, sociale e politico.

Non è la prima volta che parli di "risveglio sociale e culturale". Sembra quasi che, se a scioperare sono gli operai, la contestazione è riconosciuta e riconoscibile. Ma se a discutere di diritti sono i fumettisti, nessuno li considera. Siete una categoria secondaria?
Non siamo affatto una "categoria". Quando si prova ad aprire una partita Iva, il commercialista non sa dove inserirci. Nella categoria degli artigiani? Sì, a volte capita anche quello. Noi, ora, stiamo parlando dei compensi e dei diritti sulle proprie opere. Perché spesso gli editori cercano erroneamente di far propri i diritti che appartengono invece all'autore. Poi ognuno fa la sua scelta: ogni decisione di pubblicare con un editore, per ogni singolo autore è comunque insindacabile.

Come a dire che autori affermati sono contesi dalle case editrici mentre gli esordienti pubblicherebbero anche gratis pur di farsi conoscere?
Una volta lo pensavo. Ora non più. Ho cominciato a conoscere grandi autori e mi sono reso conto che non è così. Neppure la loro fama o il loro talento sono un sinonimo di tutela.

Insomma, significa che per tirare a campare anche gli autori di fumetto devono attingere ad altre collaborazioni che portano maggior reddito? Penso ad esempio alle illustrazioni per i quotidiani nazionali...
Assolutamente. L'autore italiano, oggi, ha due possibilità: o lavora col mercato estero, oppure trova lavori alternativi.

Raccontaci la tua esperienza.
Vivo in Spagna. Uno Stato dove il livello dell'editoria a fumetti è inferiore a quello italiano. Qui i fumetti non si trovano nelle edicole. Le graphic novel sono distribuire nelle librerie specializzate. Nonostante questo, se propongo un progetto a un editore, pur consapevole delle vendite non esorbitanti, questo non mi dice di farlo gratis. E non si prende neppure i diritti del volume.

Allora cosa accade?
L'editore, al limite, si propone come "agente". Insieme si definisce una percentuale di agenzia sulla vendita. E pensa che non sto parlando della Francia, dove il fumetto assume un ruolo di primo piano. Qui siamo in Spagna.

Questo è l'indirizzo da prendere?
Le possibilità sono tante. Se ne può parlare. È anche possibile scegliere un sistema differente. Ma non si può ottenere un risultato singolarmente.

Cosa intendi dire?
Che potevo starmene anche tranquillamente al lavoro, seduto qua di fronte al mio bel tavolo da disegno. Lavoro con Casterman, il Giornalino, Rizzoli. E queste collaborazioni mi permettono tranquillamente di vivere. Il problema è che da anni aspetto che qualcuno si muova cercando di creare un'identità che possa far cambiare le carte in gioco.

D'accordo, la partecipazione è fondamentale. Però quest’incontro non è frutto di un'autoconvocazione. Da quando hai proposto l'incontro, sembra che in pochi ti abbiano sostenuto. Di cosa hanno paura?
Questo dovresti chiederlo a loro. Per quel che mi riguarda, mi son sempre mosso con forza su cose in cui credo. Ho fatto due libri sulla mafia [Branciaccio, storie di mafia quotidiana e Per questo mi chiamo Giovanni] e sono andato nelle scuole a parlare di mafia. Ho registrato interviste televisive anche in luoghi sensibili. Come a Brancaccio, ad esempio. Io non ho paura di nulla. Se penso agli altri autori, beh, forse più che impauriti sono sconfortati. Non per il settore in cui lavoriamo, ma per le caratteristiche di questo Paese. Ci fanno vedere soluzioni facili e rapide. E il "sistema pensiero" cambia. Quindi credono che con questo incontro non si risolva nulla. E se non si risolve nulla, perché partecipare? È bene ricordare che tutto non può cambiare da solo. Né tanto meno può cambiare in fretta.

Da quando hai lanciato l'iniziativa non te la passi bene. è vero che hai ricevuto pressioni e attacchi personali?
In effetti ci sono stati interventi pubblici in cui purtroppo si coinvolge anche la sfera privata. È qualcosa che non riesco a capire. Ci sono persone che la pensano in modo diverso da me ma che sono capaci di un confronto onesto. Come Roberto Recchioni. Con lui abbiamo parlato per più di un'ora. È su un'altra posizione e anziché intervenire ha espresso la sua posizione sul suo blog. È un atteggiamento che apprezzo. Altri scartabellano cercando cose che possano screditarmi, magari toccando anche questioni private. Forse, di fronte a queste uscite, altri autori hanno preferito non intervenire.

Sono i terribili difetti del comicdom italiano. Ma pare che sia i media di settore sia quelli generalisti hanno trascurato questa iniziativa... Però sei stato tirato in ballo spesso.
È così. Spesso sono stato tirato in ballo. Ma non c'è stato nessuno che mi abbia posto domande. E questa, a pochi giorni dall'incontro, è la prima intervista che rilascio.

Ora c'è Lucca e Napoli è dietro l'angolo. Quale sarà il profilo di questo secondo incontro?
Quando il Muf ha dato l'ok ho chiesto al Comicon, che ha subito offerto la massima disponibilità. Non ho pensato a quella scadenza come a una replica dell'incontro di Lucca. Non ci saranno eventi-fotocopia. Penso semmai a un appuntamento da interpretare come il seguito ideale. Una sorta di "capitolo zero" nel quale, individuati i problemi e raccolte le opinioni, si decide il da farsi. A Napoli grandi e giovani autori si possono unirsi in qualcosa (può essere un'associazione o qualunque altra cosa) che possa identificarsi in un unica realtà con proprie connotazioni sociali, culturali e anche politiche. Tutti noi, singolarmente, valiamo meno di niente. Se saremo insieme, le cose cambieranno.

Un'ultima domanda: inizialmente l'incontro era stato battezzato dagli utenti del web come i primi Stati generali del fumetto. Cosa non ti piaceva di questo titolo?
Mi pareva una buffonata. Perché è un po' come sminuire l'incontro. Fra l'altro non è neppure appropriato chiamarlo "tavola rotonda". Come giustamente mi ha fatto notare Matteo Stefanelli, sarebbe stato più opportuno organizzare un'assemblea. Ma io sono un autore, non uno che organizza eventi. Riconosco di aver fatto degli errori e sono disponibile a migliorare le cose per il prossimo appuntamento. Quando a Lucca lancerò la "pietra", sarò molto chiaro su un punto: non ci saranno altri incontri se non ci sarà un interesse generale degli autori.

L'intervista originale potete leggerla QUI.

Fumetto d'Autore precisa, come già detto in precedenza, di avere inviato una richiesta di intervista a Claudio Stassi il 16 ottobre scorso e a fino ad oggi non abbiamo mai avuto risposta.

Inoltre tra i media accreditati del settore fumetto (abbiamo anche un numero ISSN rilasciato  regolarmente dal CNR a certificare e indicare l'attività di informazione svolta da questo sito) siamo stati quello che ha  dedicato il più ampio spazio possibile alla tavola rotonda lucchese degli autori (che si svolge domenica 31 ottobre alle 17 al Museo del Fumetto di Lucca) con più di 30 articoli che raccontano, sin dal primo momento come sono nati e come si sono evoluti, sino a questa intervista, i cosiddetti Stati Generali del Fumetto.

Magazine

INTERVISTA ESCLUSIVA CON MORENO BURATTINI su "Zagor - Darkwood Novels"

26-07-2020 Hits:1380 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

   Ritratto ad opera di Lorenzo Barruscotto, autografato dallo stesso Burattini.     Buongiorno e grazie per il suo tempo. Facciamo quattro chiacchiere sulla nuova miniserie di Zagor “Darkwood Novels”.   - Nel primo volume viene presentata ai lettori questa nuova iniziativa editoriale targata Spirito con la Scure anche con dotte citazioni e riferimenti ai Dime Novels...

Leggi tutto

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:856 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2782 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2856 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:2606 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2876 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:2099 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto